Gerenza "Il Reggino"

Direttore Responsabile

 

Maurizio Gangemi

 

mauriziogangemi@ilreggino.it

mauriziogangemi@gmail.com

+39 349 19 56789

 

P.E.C.

ilreggino@pec.it


e-mail alla Redazione

redazione@ilreggino.it

 

in Redazione

 

Ugo La Camera

 

ugolacamera@ilreggino.it

+39 392 1000 901

 

sede Redazione

Via Marra Privata, 21/B - Gallico

89135 Reggio di Calabria

 

Editore

Associazione Culturale

"Leggende Amaranto"

Via Zona Industriale, 92

89121 Reggio di Calabria

 

partita iva/codice fiscale

02889720807

 

e-mail all'Editore

leggendeamaranto@ilreggino.it

acleggendeamaranto@gmail.com

 

autorizzazione del Tribunale

di Reggio Calabria

nr. 8 del 23 ottobre 2009

Partners

Reggina 1914: con 8 partite d'anticipo... Stampa E-mail
Scritto da Ugo La Camera   
Domenica 05 Novembre 2017 16:59

(13) 17 punti in 12 partite, questo è lo score della Reggina dopo un terzo del campionato. Gli amaranto toccano questa quota con 8 partite di anticipo rispetto alla scorsa stagione quando, proprio dopo il pareggio di Caserta che li portava a quota 10 alla nona giornata,

 

conquistarono solo 5 punti in 10 partite (8 in 12 chiudendo il ciclo orribile al San Filippo in un derby che preferiamo non ricordare). Oggi, a prescindere dalle motivazioni assai note per le quali si visse quel periodo nero a cavallo tra fine ottobre e fine dicembre, c’è da constatare che la squadra di Maurizi mostra solidità dentro e fuori dal campo e che, anche di fronte ad avversari che fanno dell’agonismo esasperato l’arma vincente e di campi in cui di certo non si respira un clima facile, la compattezza non viene scalfita. Non avrà di certo disputato una partita memorabile la Reggina a Caserta ma ha imbrigliato i falchetti concedendo loro pochissimo ed alla fine porta a casa un punto che la tiene a distanza di sicurezza dalla zona pericolo. Preferiamo, visti i trascorsi, non volare alto ma quanto visto fin qui ci lascia ampiamente soddisfatti. Sul lato squisitamente tecnico, la squadra ci è apparsa un po’ sulle gambe (ecco forse il motivo di una partita più di attesa e meno spavalda) e ben venga, dopo l’impegno infrasettimanale contro il Siracusa, la pausa per consentire di recuperare un po’ di brillantezza specialmente a chi, come De Francesco, non ha tirato il fiato quasi per nulla. Il Siracusa (prossimo avversario amaranto) ha dovuto abbassare la testa subendo tre sberle in casa da una Paganese che tutti davano in crisi. Questo è un ulteriore segnale che dimostra che questo campionato, eccetto Lecce, Trapani e Catania, vive su un equilibrio verso il basso tra le altre contendenti che consente di giocarsela alla pari o quasi con tutti. Andare alla sosta con un altro risultato positivo sarebbe il miglior viatico per poi programmare il resto del girone di andata. I mezzi e le possibilità ci sono e martedì parlerà il campo.

 

 

Statistiche

Utenti : 6882
Contenuti : 13343
Tot. visite contenuti : 3441376

Cerca

Sponsor