Gerenza "Il Reggino"

Direttore Responsabile

 

Maurizio Gangemi

 

mauriziogangemi@ilreggino.it

mauriziogangemi@gmail.com

+39 349 19 56789

 

P.E.C.

ilreggino@pec.it


e-mail alla Redazione

redazione@ilreggino.it

 

in Redazione

 

Ugo La Camera

 

ugolacamera@ilreggino.it

+39 392 1000 901

 

sede Redazione

Via Marra Privata, 21/B - Gallico

89135 Reggio di Calabria

 

Editore

Associazione Culturale

"Leggende Amaranto"

Via Zona Industriale, 92

89121 Reggio di Calabria

 

partita iva/codice fiscale

02889720807

 

e-mail all'Editore

leggendeamaranto@ilreggino.it

acleggendeamaranto@gmail.com

 

autorizzazione del Tribunale

di Reggio Calabria

nr. 8 del 23 ottobre 2009

Partners

Reggio di Calabria: si accorge del furto della propria autovettura chiede aiuto e le Volanti arrestano un pregiudicato reggino Stampa E-mail
Scritto da Ufficio Relazioni Esterne e Stampa Questura di Reggio Calabria   
Martedì 09 Gennaio 2018 09:41

(4) Nei giorni scorsi il personale della Polizia di Stato in servizio presso le volanti hanno arrestato per ricettazione Bufo Marco 46enne Reggino, pregiudicato. Nel dettaglio, è giunta una segnalazione alla Sala Operativa della Questura da parte di un cittadino che riferiva di aver

 

notato la propria automobile Fiat 500, già denunciata quale oggetto di furto, che circolava in città condotta da uno sconosciuto. Lo stesso ha iniziato a seguire la propria auto che aveva intrapreso il tratto autostradale dalla corsia di accelerazione Cardinale Portanova, direzione sud. L’operatore della Polizia di Stato in servizio presso la centrale operativa, dopo aver suggerito all’utente in linea di non prendere iniziative ma di continuare a seguire la Fiat 500 a debita distanza, ha allertato immediatamente il personale delle Volanti che nei pressi di Via San Giuseppe, ha bloccato la vettura. Vani sono stati i tentativi del conducente della 500 di far perdere le proprie tracce tra i vicoli cittadini. L’uomo, identificato per BUFO Marco, pregiudicato, è stato arrestato e dopo l’udienza di convalida è stato collocato in regime di arresti domiciliari presso una clinica riabilitativa per tossicodipendenti. All’esito degli accertamenti, la Fiat 500 è stata riconsegnata al legittimo proprietario.

 

Commenti

Effettua il login per inviare commenti o risposte.
 

Statistiche

Utenti : 6882
Contenuti : 13343
Tot. visite contenuti : 3440638

Cerca

Sponsor