Gerenza "Il Reggino"

Direttore Responsabile

 

Maurizio Gangemi

 

mauriziogangemi@ilreggino.it

mauriziogangemi@gmail.com

+39 349 19 56789

 

P.E.C.

ilreggino@pec.it


e-mail alla Redazione

redazione@ilreggino.it

 

in Redazione

 

Ugo La Camera

 

ugolacamera@ilreggino.it

+39 392 1000 901

 

sede Redazione

Via Marra Privata, 21/B - Gallico

89135 Reggio di Calabria

 

Editore

Associazione Culturale

"Leggende Amaranto"

Via Zona Industriale, 92

89121 Reggio di Calabria

 

partita iva/codice fiscale

02889720807

 

e-mail all'Editore

leggendeamaranto@ilreggino.it

acleggendeamaranto@gmail.com

 

autorizzazione del Tribunale

di Reggio Calabria

nr. 8 del 23 ottobre 2009

Partners

Reggio di Calabria: Germanò (Movimento Nazionale per la Sovranità) “Vicenda Piria: Falcomatà, perché tanta ostinazione?” Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Gangemi   
Domenica 21 Gennaio 2018 00:00

(39) “Abbiamo sperato che la generale e diffusa contestazione per la scelta di accorpare al glorioso “Piria” il “Ferraris – Da Empoli” potesse far recedere il Sindaco Falcomatà. Pensavamo che,

 

preso atto che la volontà di studenti, docenti, genitori, pubblica opinione, esperti del settore, Dipartimento Istruzione della Regione fosse quella di difendere l’autonomia, la storia, il prestigio, l’osservanza delle procedure, rigettando la scelta della Città Metropolitana, da buon amministratore ritornasse sulle proprie decisioni e assumesse le iniziative consequenziali, nel rigoroso rispetto della volontà dei cittadini amministrati. E invece no. Nonostante gli inviti che da più parti gli sono giunti, nonostante gli studenti, i docenti e i genitori siano addirittura scesi in piazza per poter far sentire la propria voce, nonostante sia apparsa a tutti come una scelta dettata non da logiche di valorizzazione del tessuto scolastico della nostra Città, sembra che Falcomatà non voglia sentire ragioni e intenda proseguire sulla scellerata strada intrapresa. Nessun riguardo per la continuità didattica, a cui ogni scelta dovrebbe puntare, nel supremo ed esclusivo interesse degli studenti. Nessun riguardo per l’organizzazione didattica del “Piria” che, negli anni, ha raggiunto livelli di eccellenza grazie all’impegno della sua classe docente. Nessun riguardo per la centenaria storia di questa scuola che, assieme a pochissimi altri Istituti scolastici, rappresenta da sempre l’eccellenza del nostro sistema di apprendimento. Nessuna considerazione sulla necessità di mantenere attiva l’offerta didattica nella zona nord della città che, con l’accorpamento deciso, verrebbe meno, non assicurando più la possibilità di frequenza a centinaia di studenti provenienti da quell’area periferica della città e zone limitrofe. Senza entrare troppo nel tecnicismo, appare evidente come la decisione della Città Metropolitana non sia in assonanza con quanto previsto dalle linee guida della Regione Calabria in tema di razionalizzazione del sistema scolastico, né conforme a quanto deliberato con gli atti amministrativi propedeutici in sede di Commissione tecnica d’ambito e di Conferenza dei Servizi, in cui si era deciso l’accorpamento del “Ferraris – Da Empoli” con il “Boccioni – Fermi”, peraltro giuste indicazioni dei rispettivi Dirigenti Scolastici. E allora il colpo di mano in Consiglio Metropolitano con cui si è deciso di affossare il “Piria” a quali logiche amministrative e politiche ha dovuto dare seguito? Con il buon senso viene da dire a nessuna logica di buona amministrazione. Saranno forse veri gli spifferi di palazzo che indicano come vere motivazioni le sollecitazioni pervenute dal suocero di Falcomatà (docente del Fermi), dal Sindaco di Roccaforte (esponente politico vicino al primo cittadino, personale ATA presso il Boccioni) e da uno dei suoi più stretti collaboratori (la cui moglie sembra essere docente presso il Ferraris – Da Empoli)? Non vogliamo credere che ancora una volta le scelte amministrative che, come in questo caso, hanno una fortissima incidenza sulla vita di migliaia di persone, siano state adottate da Falcomatà non nell’interesse della comunità ma dei soliti appartenenti al suo cerchio magico. Sindaco Falcomatà, faccia un passo indietro, ascolti gli appelli disperati degli studenti, dei docenti, dei genitori del “Piria”. Ascolti il grido di allarme e di dolore dell’intera comunità reggina che, attraverso la raccolta in poche ore di migliaia di firme, le chiede di essere il rappresentante della Città. Dimostri, almeno per una volta, di essere capace di chiedere scusa e correggere un evidente errore. Se non lo farà, si assumerà ancora una volta una grave responsabilità di fronte alla Città, dimostrando ancora di più che per Lei non contano gli interessi generali ma solo ed esclusivamente quelli di parte. La Regione Calabria faccia la sua parte e, così come avvenuto per la scuola di Rosalì, bocci questa scelta e obblighi Falcomatà a rivedere il percorso avviato”.

 

Il Commissario Città di Reggio Calabria, Franco Germanò.

Commenti

Effettua il login per inviare commenti o risposte.
 

Statistiche

Utenti : 6882
Contenuti : 13345
Tot. visite contenuti : 3442077

Cerca

Sponsor