Gerenza "Il Reggino"

Direttore Responsabile

 

Maurizio Gangemi

 

mauriziogangemi@ilreggino.it

mauriziogangemi@gmail.com

+39 349 19 56789

 

P.E.C.

ilreggino@pec.it


e-mail alla Redazione

redazione@ilreggino.it

 

in Redazione

 

Ugo La Camera

 

ugolacamera@ilreggino.it

+39 392 1000 901

 

sede Redazione

Via Marra Privata, 21/B - Gallico

89135 Reggio di Calabria

 

Editore

Associazione Culturale

"Leggende Amaranto"

Via Zona Industriale, 92

89121 Reggio di Calabria

 

partita iva/codice fiscale

02889720807

 

e-mail all'Editore

leggendeamaranto@ilreggino.it

acleggendeamaranto@gmail.com

 

autorizzazione del Tribunale

di Reggio Calabria

nr. 8 del 23 ottobre 2009

Partners

Reggio di Calabria: Anassilaos, martedì 23 conversazione su "La percezione visiva da Giotto a Dalì. Come leggere un quadro" Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Gangemi   
Domenica 21 Gennaio 2018 00:00

(51) La percezione visiva da Giotto a Dalì. Come leggere un quadro” è il tema di una serie di conversazioni promosse dall’Associazione Culturale Anassilaos, Sezione Arte Figurativa “Mintom”,

 

che saranno tenute dalla Prof.ssa Elvira Leuzzi Calveri, già docente pressi l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria  e studiosa d’arte e accompagneranno l’intero anno 2018, con cadenza mensile. Il primo incontro dedicato a Giotto, da cui prende le mosse la grande arte figurativa occidentale, si terrà martedì 23 gennaio alle ore 17,30 presso la Sala di San Giorgio al Corso. Il percorso artistico proposto dalla relatrice non ha solo l'intento di semplice conversazione sui singoli esempi  “classici” della storia  della pittura. Ma vuole indagare sul più vasto problema dell'arte come momento conoscitivo, come presa di coscienza della storia  e  come impegno umano, seguendo, attraverso le opere, la dialettica uomo-realtà concretata nella creazione pittorica, ed assunta a valore onnipresente ed atemporale.   Così accade  che l'opera nasca si da una visione convenzionale ma combina dati estratti arbitrariamente dal reale con altri dettati da tradizioni, esigenze rituali, norme sociali, rinnovate realtà culturali. Tipico esempio è la nascita della “prospettiva”, concezione dello spazio che si afferma nel Quattrocento, domina l'arte europea per quattro secoli e si dissolve infine con le esperienze dell'impressionismo e l'arte contemporanea. Nasce spontanea la domanda: perché muta il linguaggio artistico se la realtà intorno a noi è immutabile? Accade esattamente ciò che è accaduto per la lingua parlata. I mutamenti dei linguaggi scritti e parlati subiscono variazioni in funzione della cultura, del momento storico, dei costumi, delle norme comportamentali. Vedremo, quindi, il cambiamento sia iconografico che iconologico della storia dell'arte attraverso una lettura pittorica delle opere da Giotto fino a Salvator Dalì.                                           

 

Commenti

Effettua il login per inviare commenti o risposte.
 

Statistiche

Utenti : 6882
Contenuti : 13343
Tot. visite contenuti : 3441363

Cerca

Sponsor