Gerenza "Il Reggino"

Direttore Responsabile

 

Maurizio Gangemi

 

mauriziogangemi@ilreggino.it

mauriziogangemi@gmail.com

+39 349 19 56789

 

P.E.C.

ilreggino@pec.it


e-mail alla Redazione

redazione@ilreggino.it

 

in Redazione

 

Ugo La Camera

 

ugolacamera@ilreggino.it

+39 392 1000 901

 

sede Redazione

Via Marra Privata, 21/B - Gallico

89135 Reggio di Calabria

 

Editore

Associazione Culturale

"Leggende Amaranto"

Via Zona Industriale, 92

89121 Reggio di Calabria

 

partita iva/codice fiscale

02889720807

 

e-mail all'Editore

leggendeamaranto@ilreggino.it

acleggendeamaranto@gmail.com

 

autorizzazione del Tribunale

di Reggio Calabria

nr. 8 del 23 ottobre 2009

Partners

Catanzaro: Casa Circondariale "U. Caridi", i detenuti mettono in mostra i lavori effettuati nel laboratorio di ceramica Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Gangemi   
Giovedì 08 Marzo 2018 15:53

(150) L’8 marzo è “la giornata della persona” nel carcere di Catanzaro. La Casa Circondariale “Ugo Caridi” di Siano ospita quasi seicento detenuti, tutti uomini, anche se non manca il personale femminile, sia nella polizia penitenziaria, sia nel settore amministrativo, e il direttore

 

stesso qui è una donna, Angela Paravati. “I detenuti, coinvolti nel laboratorio di lettura e scrittura creativa portato avanti dal docente universitario Nicola Siciliani De Cumis e da due volontarie, hanno letto diversi testi sulle origini storiche della ricorrenza, risalenti alle condizioni di sfruttamento delle operaie nelle fabbriche tessili di New York nei primi anni del Novecento, ed hanno approfondito varie poesie sulla figura femminile, scrivendo loro stessi dei versi sull’argomento” spiega la dirigente. Poesia, storia e biografie di tante donne che hanno contribuito alla crescita sociale in tutto il mondo hanno caratterizzato gli studi dei detenuti di questi giorni: lo evidenzia un albero all’interno del carcere, a cui sono state appese le immagini con i volti di personaggi femminili che hanno dato un contributo notevole alla crescita della società. Si va dalla scienziata di Alessandria d’Egitto Ipazia, che anticipò di secoli con le sue intuizioni la comprensione del movimento ellittico della terra intorno al sole, a Marie Curie, unica persona al mondo ad aver vinto due premi Nobel, a molte altre ancora. La giornata è stata caratterizzata anche da una mostra allestita con gli oggetti realizzati dai detenuti nel laboratorio di ceramica all’interno dell’istituto: soprammobili e portagioie finemente decorati con fiori e mimose, dai colori squisitamente delicati e femminili. L’istruzione, il lavoro e la formazione culturale sono elementi fondamentali per un  percorso di cambiamento: e l’idea del rispetto della persona, donna o uomo che sia, in quanto persona, è una tappa di questo percorso.

 

Commenti

Effettua il login per inviare commenti o risposte.
 

Statistiche

Utenti : 6882
Contenuti : 13373
Tot. visite contenuti : 3452924

Cerca

Sponsor