Gerenza "Il Reggino"

Direttore Responsabile

 

Maurizio Gangemi

 

mauriziogangemi@ilreggino.it

mauriziogangemi@gmail.com

+39 349 19 56789

 

P.E.C.

ilreggino@pec.it


e-mail alla Redazione

redazione@ilreggino.it

 

in Redazione

 

Ugo La Camera

 

ugolacamera@ilreggino.it

+39 392 1000 901

 

sede Redazione

Via Marra Privata, 21/B - Gallico

89135 Reggio di Calabria

 

Editore

Associazione Culturale

"Leggende Amaranto"

Via Zona Industriale, 92

89121 Reggio di Calabria

 

partita iva/codice fiscale

02889720807

 

e-mail all'Editore

leggendeamaranto@ilreggino.it

acleggendeamaranto@gmail.com

 

autorizzazione del Tribunale

di Reggio Calabria

nr. 8 del 23 ottobre 2009

Partners

Ente Parco Nazionale dell'Aspomonte: Saviano a San Luca (RC), il Presidente Bombino lo invita inviandogli la sua poesia "Se verrai in Aspromonte" Stampa E-mail
Scritto da Ufficio Stampa Ente Parco Nazionale dell'Aspromonte   
Sabato 09 Giugno 2018 00:00

(58) Roberto Saviano è in Aspromonte, a San Luca. Lo apprendiamo dai suoi canali social. Il Parco Nazionale invita lo Scrittore a fermarsi qualche giorno per raccontare i Luoghi, l'Umanità e la Natura della Nostra Montagna. Siamo certi che potrà scrivere del Dramma e della

Bellezza di questa Terra, del Dolore e della Dignità di un Popolo, proprio come fece Corrado Alvaro. Vorremmo che Roberto scriva della Gente che incontra, dei pochi traditori e dei molti traditi; che racconti il suo viaggio in Aspromonte, i risvegli e i silenzi, le albe. Intanto, gli inviamo la poesia del Presidente Giuseppe Bombino, "Se Verrai in Aspromonte".

Se verrai in Aspromonte, non dire il tuo nome, non serve. Vi entrerai, invece, senza annunziarti, e ascolterai una conversazione già da tempo avviata, come se una intelligenza nativa ti accogliesse e ti riconoscesse. Se verrai in Aspromonte, non entrerai nella stanza buona ma in cucina, dove si impasta il pane, dove il grano e l’acqua ancora uniscono le permanenze di antiche civiltà e mitiche tradizioni, che superano di molti millenni i peccati dell’ultima generazione. Vi è qualcosa di ancestrale nella montagna d’Aspromonte, nel suo ordine e nella sua bellezza, nelle sue diverse altezze e nella qualità della sua luce; è un racconto di pura mitopoiesi che ti inoltra in una emozione essenziale, inesprimibile, che pare voglia mostrarti l’intero cammino dell’umanità. Si sollevarono dagli abissi marini le alture dell’Aspromonte, per testimoniare, oggi, adiacenze geologiche ed epoche sovraimposte; vi comprenderai la gerarchia genuina e vergine della natura, la roccia è la più antica; poi vennero gli alberi e le piante, la prima forma di vita e vennero gli animali, e, tra questi, per ultimo, l’uomo. E’ un inventario dell’universo, l’Aspromonte, la prima officina di Dio, dove ancora si respira l’atto della creazione; è quasi una preghiera inespressa, una religione che si perpetua, e il tempo dell’uomo è quello della pietra e dell’acqua, e lo sarà per sempre. E quando avrai finito di masticare il pane, in Aspromonte, osserva l’antica miniatura dei millenni chiusa nell’indole e nei gesti della gente; osserva come si cammina i piedi sembra che ragionino; essi hanno una memoria, come se ricordassero ogni sentiero, vi appoggiano la pianta sulla terra, come in uno stampo vi riconoscerai la stimma, calcandolo, ed esso ti segnerà l’andatura. Se coglierai ed appurerai queste remote metafore dell’Aspromonte, in pochi tratti, conterrai nella mente la senescenza culturale della montagna, che, con opportunità geografica e geologica, si appoggia sul mare, dove sorsero i primi esperimenti di dialogo e di comunione tra popoli lontani e affini, tra razze e religioni distanti e simili.   Se parlerai con la gente, in Aspromonte, non stupirti della lingua queste parole anticiparono quelle di Omero, e, ancora oggi, narrano e cantano versi e poesie lontanissimi; nel pastore, poi, riconoscerai le scritture di Corrado Alvaro, di Fortunato Seminara, di Francesco Perri, di Saverio Strati, di Mario Lacava, di Domenico Giampaolo, o la febbre filosofica di Campanella; distinguerai le visioni di monaci e abati, come Barlaam, che insegnò il greco a Petrarca, o Gioacchino da Fiore che illuminò la cultura europea. Se verrai qui, in Aspromonte, guarda il cielo, ove tacciono ogni tempesta e ogni tumulto; poi guarda nella bassura, nella valle profonda, dove Persefone cedette il trono alla nostra Madonna, la Madre Mediterranea. Se verrai in Aspromonte col bastone dello studioso o del pellegrino, porta con te un bambino e una preghiera; digli cosa sia la verità, che allontana la morte di una civiltà e spegne ogni dolore. Se verrai in Aspromonte noi verremo con te. Giuseppe Bombino.

 

Statistiche

Utenti : 6882
Contenuti : 13390
Tot. visite contenuti : 3458342

Cerca

Sponsor